Home » Activity » Activity 2011 » Quaderni di scienza e scienziati molisani

Quaderni di scienza e scienziati molisani

Quaderni di scienza e scienziati molisani - Associazione Culturale Insieme
Mercoledì 28 Dicembre l’Associazione Culturale INSIEME ha presentato  la rivista  semestrale “Quaderni di Scienza e Scienziati Molisani”, edito dall’Unione delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura (UNIONCAMERE) del Molise.
 
La manifestazione, svoltasi presso il centro sociale S.Lorenzo in San Giuliano del Sannio,  ha visto la partecipazione del direttore della rivista prof. Carlo de Lisio che ha introdotto due ricercatori molisani : ilprof. Salvatore Tucci, docente di informatica presso università Tor Vergata in Roma e la prof.ssa Clara Piccirillo, docente in chimica industriale  presso l’università cattolica Portoghese.  
Nel corso della manifestazione è stata ricordata anche l’opera scientifica ottocentesca del botanico  sangiulianese Nicola Antonio Pedicino.
 
Come ricordato dal direttore prof. Carlo de Lisio, la rivista rappresenta un’originalissima novità editoriale e si propone essenzialmente quattro finalità:
 
1- Far conoscere i profili ed i lavori di quelle donne e di quegli uomini di scienza del Molise che oggi operano, con livelli di assoluta eccellenza, nelle strutture scientifiche e di ricerca del mondo. Restano spesso sconosciuti, anche nella loro terra d’origine, pur essendo inaspettatamente numerosi ed apprezzati nella comunità scientifica.
 
2- Ricordare gli importanti scienziati molisani del passato.
 
3- Divulgare le ricerche dei più bravi giovani neoricercatori molisani che, fuori dalla regione, sono impegnati in un lavoro faticoso e che rappresentano una grande speranza per l’umanità futura ed una vera risorsa del Molise (ignorata e disgregata però più delle altre).
 
4- Elevare quel livello di conoscenza scientifica media (che è oggi molto basso) anche tra le persone della nostra regione che si considerano (o sono considerate) generalmente “più colte”.
 
Senza una sedimentazione, a livello di massa, della cultura e del metodo scientifico, difficilmente potranno attecchire quei processi di “innovazione”,in tutti i campi produttivi (anche di non diretta emanazione della scienza di base), tanto invocati dalle forze politiche ed economiche. Quest’ultimo obiettivo è ovviamente di mentalità e quindi di lungo termine. Tuttavia da qualche parte ed in qualche momento occorre pur incominciare.